CORSO COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN CALENDARIO

Il corso coordinatori per la sicurezza è svolto annualmente. Orientativamente con inizio nel mese settembre. Nonostante questo, per rendere flessibile il percorso formativo, potremmo rimodulare le date di avvio del corso. Questo in considerazione delle esigenze dei partecipanti o in seguito di necessità aziendali. Nel caso in cui vi sia il consenso degli allievi. Come risultato di questo il periodo di avvio del corso potrebbe subire variazioni. Ad ogni modo confermata la data di inizio corso, indipendentemente da ulteriori richieste pervenute, la stessa non sarà modificata. In ogni caso il corso sarà attivato al raggiungimento del numero di iscritti.

L’avvio del corso è confermato con partenza il 12 SETTEMBRE 2020

Il Corso prevede la formazione in tempo reale con confronto frontale con docente per tutte le 120 ore del corso.

Non ci sono lezioni registrate, le lezioni sono svolte in modalità sincrona in linea diretta con il docente.

 Le lezioni si svolgono nel pomeriggio dei giorni di Martedi e Giovedi e il Sabato Mattina

CONTATTACI PER CONOSCERE IN DETTAGLIO IL CALENDARIO DELLE LEZIONI

TIPO di CORSO ORE di FORMAZIONE INGRESSO SINGOLO PARTECIPANTE
Corso Coordinatore per la Sicurezza 120 ore 720,00 €   IVA esclusa
Contatta AGRsicurezza

Corsi Coordinatore Sicurezza in fase di Progettazione ed Esecuzione nei Cantieri Edili

  • Durata: 120 ore
  • Conforme al D.Lgs 81/2008. Abilitante per l’esercizio della professione di Coordinatore Sicurezza ai sensi D.Lgs. 81 del 9.04.08 e D. Lgs 106/2009.
  • Prerequisiti di iscrizione: aver conseguito
    • Laurea Magistrale o Laurea Triennale in Ingegneria | Architettura | Geologia | Scienze Agrarie | Scienze Forestali;
    • Diploma di Geometra | Perito Industriale | Perito Agrario o Agrotecnico;
    • Il corso è inoltre aperto ai laureandi delle discipline, già indicate, che potranno esercitare il ruolo dopo l’acquisizione del titolo di laurea.
  • Sede: in aula presso strutture idonee all’erogazione del corso o similmente in modalità remota (video conferenza).
  • Docenza: formatori rispondenti ai requisiti della normativa e come tali con esperienza documentata in materia.
  • Materiale didattico: nella quota di partecipazione è compreso il rilascio della documentazione formativa. La stessa sarà rilasciata ai partecipanti, in formato elettronico o raccolta dei documenti relativi alle lezioni e agli approfondimenti attinenti gli argomenti trattati durante il corso.
  • Posti Disponibili: Massimo 60 partecipanti.
  • Frequenza: obbligatoria per almeno il 90% delle ore del corso. Sono consentite assenze per un massimo di 12 ore.
  • Valutazione: mediante prova scritta in aula. Allo stesso modo su modello digitale, in caso di sessione remota. In entrambi i casi, come conseguenza del superamento prova, è rilasciato dell’attestato formativo.
  • Attestato: a tutti coloro che supereranno l’esame è rilasciato attestato di abilitazione al ruolo di Coordinatore della Sicurezza valido ai sensi art.98 D.lgs 81/2008.

Struttura delle lezioni dei Corsi Coordinatori per la Sicurezza nei Cantieri

I contenuti formativi dei corsi coordinatori illustrano un’ampia gamma di argomenti. Nel complesso sono trattati argomenti teorici e tecnici. Il programma del corso è uno dei più ampi in ambito sicurezza sul lavoro. Il fine della formazione è fornire tutte le nozioni e le buone pratiche tipiche del ruolo. Per questa ragione è prevista la frequenza di un modulo giuridico di 28 ore. Successivamente di un Modulo Tecnico di 52 ore e di un Modulo Metodologico Organizzativo di 16 ore. In conclusione è svolta una Prova Pratica di 24 ore con realizzazione di un caso studio. Il programma è conforme al D.Lgs 81/2008. Abilitante all’esercizio della professione di Coordinatore Sicurezza ai sensi D.Lgs. 81 del 9.04.08 e D. Lgs 106/2009.

Dettaglio degli argomenti trattati nel corso coordinatori per la sicurezza nei cantieri

MODULO GIURIDICO – 28 ore –

  • La legislazione di base in materia di sicurezza e di igiene sul lavoro; La normativa contrattuale inerente gli aspetti di sicurezza e salute sul lavoro; La normativa sull’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.
  • Le Normative europee e la loro valenza; Le Normative di buona tecnica; Le direttive di prodotto.
  • Il Titolo I. I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale: compiti, obblighi e responsabilità civili e penali. Metodologie per l’individuazione, l’analisi e la valutazione dei rischi.
  • La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota. Il Titolo IV del Testo Unico.
  • Le figure interessate alla realizzazione dell’opera: compiti, obblighi e responsabilità civili e penali.
  • La legge quadro in materia di lavori pubblici ed i principali decreti attuativi, la disciplina sanzionatoria e le procedure ispettive.
  • Aspetti Giuridici in Salute e Sicurezza sul Lavoro.
  • Protocollo COVID-19 ed indicazioni per l’attuazione delle misure anti-contagio e anti-diffusione.

MODULO TECNICO – 52 ore – ​

  • Rischio di caduta dall’alto. Ponteggi e opere provvisionali.
  • L’organizzazione in sicurezza del Cantiere.
  • Il Cronoprogramma dei lavori. Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza.
  • Le malattie professionali ed il primo soccorso, il rischio elettrico e la protezione contro le scariche atmosferiche.
  • Il rischio negli scavi, nelle demolizioni, nelle opere in sotterraneo ed in galleria.
  • I rischi connessi all’uso di macchine ed attrezzature di lavoro con particolare riferimento agli apparecchi di sollevamento e trasporto.
  • I rischi chimici in cantiere, i rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima, illuminazione.
  • I rischi connessi alle bonifiche da amianto, i rischi biologici.
  • I rischi da movimentazione manuale dei carichi.
  • I rischi di incendio ed esplosione.
  • I rischi nei lavori di montaggio e smontaggio di elementi prefabbricati.
  • I dispositivi di protezione individuali e la segnaletica di sicurezza.

MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO​ – 16 ore –

  • I contenuti minimi del piano di sicurezza e di coordinamento, del piano sostitutivo ed operativo
    I criteri metodologici per:

a) elaborazione piano sicurezza e di coordinamento, integrazione con i piano operativi di sicurezza ed il fascicolo,
b) l’elaborazione del piano operativo di sicurezza;
c) l’elaborazione del fascicolo;
d) l’elaborazione del P.I.M.U.S. (Piano di Montaggio, Uso, Smontaggio, dei ponteggi);
e) la stima dei costi della sicurezza.

  • Teorie e tecniche di comunicazione, orientate alla risoluzione di problemi e alla cooperazione, teorie di gestione dei gruppi e leadership.
  • I rapporti con la committenza, i progettisti, la direzione dei lavori, i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

PARTE PRATICA – 24 ore –

  • Esempi di Piano di Sicurezza e Coordinamento:
    • presentazione dei progetti,
    • discussione sull’analisi dei rischi legati all’area,
    • all’organizzazione del cantiere,
    • alle lavorazioni ed alle loro interferenze.
  • Stesura di Piani di Sicurezza e Coordinamento, con particolare riferimento a:
    • rischi legali all’area,
    • all’organizzazione del cantiere,
    • alle lavorazioni ed alle loro interferenze.
  • Simulazione sul ruolo del Coordinatore per la Sicurezza in fase di esecuzione (esempi Piani Operativi di Sicurezza e Piani Sostitutivi di Sicurezza, Esempi e stesura fascicolo basati sugli stessi dei casi Piani Sicurezza e Coordinamento, Simulazione ruolo coordinatore per la Sicurezza in fase di esecuzione).

ESAME FINALE: Test di Valutazione e Simulazione

In modo da verificare le conoscenze teoriche e pratiche degli allievi è prevista la presentazione di un caso pratico di PSC con allegati grafici, nonché del crono-programma, stima dei costi della sicurezza e fascicolo dell’opera. In ogni caso vi sarà la valutazione del lavoro di gruppo più colloquio individuale sui temi del corso.

Il corso coordinatori per la sicurezza ha sede in Ancona quando svolto in aula

In alternativa i corsi sono accessibili, allo stesso modo, in modalità remota. Ugualmente da tutta Italia ed altre nazioni.

Chi è il Coordinatore, quali requisiti occorrono per svolgere il ruolo di coordinatore

Il coordinatore per la sicurezza è la figura incaricata di garantire il coordinamento tra imprese impegnate nell’esecuzione di lavori. Questo compito gli è assegnato dal Committente o dal Responsabile dei lavori. In altre parole dal soggetto per conto del quale l’opera è realizzata o dalla persona da questo incaricata per lo svolgimento dei propri compiti. Il fine del suo ruolo è quello di abbattere i rischi per la sicurezza. Tutelare la salute dei lavoratori.

​Solitamente si distinguono due figure nell’ambito del coordinamento cantieri. Queste sono:

  • Coordinatore per la Progettazione (CSP) a cui è affidata la progettazione dell’opera;
  • Coordinatore per l’esecuzione dei lavori (CSE) a cui è affidata la realizzazione dell’opera.

Il CSP redige il Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC), ossia il documento di progettazione della sicurezza nel cantiere. Il CSE è il responsabile per l’attuazione del piano per tutta la durata dei lavori. Ad ogni modo CSP e CSE sono due figure distinte. Infatti sono indicate negli articoli 91 e 92 del Decreto Legislativo 81/2008 in modo separato.

Per svolgere il ruolo di Coordinatore per la Sicurezza nei Cantieri è necessario essere un professionista abilitato. Al fine di ottenere l’abilitazione occorre frequentare un Corso Coordinatori per la Sicurezza e conseguentemente superare la prova di valutazione finale.

Quando nel cantiere è prevista la presenza di più imprese ​la designazione del coordinatore è obbligatoria. Questo anche in caso di presenza non contemporanea delle imprese.  Cosi statuisce il D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.  In caso di omessa designazione del Coordinatore sono previste sanzioni.  Come conseguenza della mancata nomina del coordinatore le sanzioni sono di carattere penale e prevedono anche l’arresto.

Alcuni casi in cui occorre nominare il coordinatore per la sicurezza sono:

  • quando nel cantiere intervengono due ditte (anche artigiane o di lavoro autonomo), anche non contemporaneamente;
  • nelle circostanze in cui si superano i 200 uomini/giorno per lo svolgimento delle opere;
  • nel caso in cui si eseguono lavori in quota (ponteggio o elevatori);
  • quando si eseguono scavi.

I requisiti principali per diventare Coordinatore della Sicurezza ed esercitare la professione sono tre. Questi sono definiti nel D.Lgs. 81/2008:

  • in primo luogo titolo di studio, laurea o diploma;
  • dopodiché esperienza documentata nel settore delle costruzioni (edilizia);
  • infine la frequenza del Corso Coordinatori per la Sicurezza con verifica finale dell’apprendimento.

Naturalmente, al fine di ottenere l’abilitazione al ​ruolo di coordinatore per la sicurezza occorre superare la prova finale del corso. Successivamente il coordinatore deve mantenere valida l’abilitazione conseguita.

Per questo motivo è tenuto a frequentare corsi di aggiornamento per un totale di 40 ore. L’aggiornamento va svolto nell’arco dei 5 anni successivi al conseguimento dell’abilitazione. In conclusione il coordinatore deve aggiornarsi professionalmente. Questo al fine di conservare l’abilitazione. Nel caso il coordinatore non persegua l’aggiornamento, sebbene abilitato con il corso di 120 ore, perde la possibilità di svolgere la sua mansione. Questo fino a quando non recuperi i crediti formativi in ambito sicurezza o, in alterativa, frequenti nuovamente il corso di abilitazione.