L’attestato sicurezza sul lavoro perso può essere causa di problemi poichè rende difficile dimostrare di avere ricevuto l’adeguata formazione o aver addestrato il lavoratore. Questo poichè, in caso di controlli, occorre dimostrare di avere adempiuto agli obblighi formativi previsti dal D.Lgs. 81/2008 in tema di sicurezza dei lavoratori.

La mancanza dell’attestato può causare l’emissione di una sanzione nei confronti dell’azienda e dal datore di lavoro. Questo per il fatto che, in caso di controlli da parte delle autorità competenti, l’azienda sottoposta alle procedure di verifica deve presentare il certificato di avvenuta formazione.

Per questo motivo, il datore di lavoro deve fare attenzione a conservare gli attestati in modo adeguato. Cosi come ad essere in grado di poterli visionare facilmente per verificarne la validità.

Solitamente mantenere copia elettronica in backup dati degli attestati può essere una buona idea. Tuttavia può accadere che l’attestato di formazione vada disperso oppure distrutto per cause non dipendenti dal datore di lavoro, dell’azienda o del lavoratore. Pensiamo ad esempio ad un eventuale incendio o perdita di documentazione a causa di un trasferimento della sede aziendale, cancellazione di un hard disk e altro.

Cosa fare allora per recuperare l’attestato sicurezza sul lavoro perso?

La competenza del rilascio del certificato è dell’ente che organizza o cura direttamente la formazione. Per questo motivo basterà ricordarsi l’organizzazione organizzatrice del corso e chiedere l’emissione di un certificato attestante la formazione in sostituzione di quello smarrito.

Il soggetto formatore, infatti, è tenuto a conservare per un periodo di tempo non inferiore ai 10 anni il “Fascicolo del Corso”.  All’interno del fascicolo sono contenuti i dati anagrafici di partecipanti, l’elenco discenti, il nominativo docente, contenuti formativi, ora, inizio, fine e test di verifica finale.

Precisiamo che, in ogni caso, occorre prestare attenzione alla validità temporale dell’attestato formativo. La formazione dei lavoratori e del datore di lavoro deve essere, infatti, periodicamente aggiornata con specifici corsi di aggiornamento. Nel caso in cui, conseguito l’attestato, non si proceda ad aggiornare la formazione, lo stesso perde di validità e il personale non è più abilitato allo svolgimento della sua mansione.

In caso di mancato aggiornamento, non si potrà affermare che l’attestato sicurezza sul lavoro perso è un’attenuante per evitare sanzioni da parte delle competenti autorità di controllo.

##